Sicilia Travels – La tua vacanza ideale in SiciliaSicilia Travels – La tua vacanza ideale in Sicilia
Forgot password?

Data Not Found.

The request cannot be completed because you have exceeded your quota.

Le origini di Gioiosa risalgono al 1094 quando il conte Ruggero !l feudo Melluso al Monastero dei Benedettini di Patti. Nel 1364 Vinciguerra d'Arargona - che aveva ottenuto dal re la Capitanìa di Patti - eresse sul territorio di Meliusouna torre di osservazione e di avvistamento che chiamò Oppidum Guardae Jojusae da cui derivò il toponimo Gioiosa.Il paese era diviso in quartieri cresciuti attorno alle rispettive chiese da cui prendevano il nome: San Nicolo, S. Maria della Catena, S. Maria delle Grazie. Tra questi, solo il quartiere di S. Nicolo godeva dello status di Parrocchia. Santo protettore del paese fu, inizialmente, S. Maria delle Grazie poi S. Giovanni Battista ma in seguito gli abitanti proclamarono loro protettore San Nicola, vescovo di Mira, per grazia ricevuta, avendoli salvati dalla peste e dalla carestia.

Verso la fine del 700 Gioiosa Guardia, per una serie di calamità naturali, fu definitivamente abbandonata.

 

Gioiosa Guardia (l'antica Gioiosa Marea)
Si trarrà dei ruderi di quel che resta dell'antica Gioiosa, un paesino del messinese, a 800 m. slm. nelle ultime propaggini dei Monti Nebrodi, abbandonato a malincuore dai suoi abitanti alla fine del '700 per la perenne carenza d'acqua, il che costrinse i suoi abitanti a trasferirsi in pianura dando così origine all'attuale Gioiosa Marea. Il nome di Guardia si deve al fatto di essere stata munita di una Torre di Guardia (di cui resta qualche traccia) per l'avvistamento di navi turche che nel '600 compivano scorrerie piratesche lungo le coste; dalla Torre, con opportuni segnali di fuoco, venivano avvisati gli abitanti della costa. Gli amanti delle città scomparsepossono raggiungerla, per visitarne Ì ruderi, partendo da Gioiosa Marea. Tra. Ì resti della vecchia Gioiosa si annoverano anche i ruderi di un antico sito risalente all'età del bronzo. Oggi Gioiosa Guardia vive nella memoria storica degli abitanti di Gioiosa Marea ma potrebbe tornare a vivere, con opportuni recuperi, quale testimonianza di una Sicilia verde e incontaminata.

 

La Laguna di Marinello
Si tratta di sette stagni ognuno dei quali vive e si sviluppa autonomamente. I più grandi sono il lago Marinello, isolato dal mare, che ospita vegetazione lacustre e palustre; il Mergolo, detto della Tonnara ed il lago Verde. Un antico sentiero parte dalla Riserva Naturale di Marinello ed arriva alla Rocca della Femmina. Da qui è possibile raggiungere un sentiero esterno alla cinta muraria della città antica di Tyndaris che porta al Nuovo Santuario e da! vicino sentiero Coda di Volpe ridiscendere nella zona lagunare di Marinello.

 

Fonte: www.palermoweb.com

 

Arancini
Sono il vanto principe della cucina siciliana: piccoli timballi adatti ad essere consumati come spuntino, primo piatto o piatto unico: sempre caldi e fragranti nelle molte friggitorie siciliane, dove si possono trovare farciti al ragù, al prosciutto, al formaggio, alla ricotta e spinaci... e così via. 

 

Cacio all'argentiera
E' un antipasto tipico delle Madonie, un piatto dal sapore unico, preparato con formaggio fresco e contornato da ingredienti sani tra i quali: caciocavallo fresco, aglio, olio d'oliva extravergine, sale, pepe, origano e aceto di vino. 

 

Carne murata
Spennellate la carne con uovo, passatela nel pangrattato e doratela in olio caldo; sbucciate e tagliate cipolle e patate, filettate i pomodori. Versate olio in un tegame e fate uno strato di cipolle, uno di carne e uno di patate; completate con pomodori, basilico e origano; ripetete gli strati, salando e pepando, coprite e cuocete per 40', senza smuovere.

 

Cassata siciliana
E' la regina della pasticceria palermitana, merita il posto d'onore tra i dolci tipici della regione; è per celebrare la Pasqua dopo i sacrifici quaresimali, i suoi decori sono barocchi, e sontuosi e la sua derivazione in realtà è di origine araba: il suo nome deriva dall'arabo "Quas'at": scodella grande e tonda, e la ricchezza dei suoi ingredienti rispecchia le caratteristiche della cucina saracena. Apparentemente semplice da realizzare, la preparazione della cassata alla siciliana richiede invece molta abilita', soprattutto per creare le elaborate decorazioni di cui è largamente provvista. 

 

Cotoletta all'aceto
E' un'antica ricetta gustosa, riservata ai giorni di festa: le fettine di carne vanno ammollate, per 10' in aceto e infarinate. Sbattete uovo e sale, mescolate pangrattato e parmigiano: passate le fettine infarinate nell'uovo, nel pangrattato, impanandole; friggetele, asciugatele su carta da cucina e servite.

 

Cozze gratinate
Sono un delizioso antipasto di mare: cozze con il guscio riempito di un buon ripieno di mollica di pane, parmigiano e prezzemolo, insaporito dal liquido di cottura delle cozze stesse. Sono davvero semplici e velocissime da preparare: la ricetta ideale per aprire una gustosa cenetta a base di pesce.

 

Involtini di pesce spada
Sono un secondo piatto tipico della tradizione siciliana, sono preparati con fettine di pesce spada tagliate e con un ripieno di capperi, olive, pangrattato e pomodori. Si accompagnano con un contorno di peperoni al forno coi capperi.

 

Mostaccioli
Sono dolci tipici campani e prendono il nome da uno degli ingredienti che si utilizzava per prepararli: il mosto. Ne esistono in due principali varianti: semplici o ripieni di marmellata, sono essere ricoperti di cioccolato fondente, al latte o bianco. A seconda della regione e anche delle zone della Campania, nella ricetta si trovano modifiche e personalizzazioni.

 

Pesto siciliano
Pestate mandorle e aglio, aggiungete basilico e olio e pestate per bene; inserite pecorino grattugiato, continuando a pestate per bene, poi i pomodorini: salate ed emulsionate con abbondante olio.

 

Polpette di finocchietti
E' una ricetta tipicamente primaverile: si prepara usando il cuore dei finocchietti, tagliuzzato, formaggio grattugiato, pan grattato, aglio, prezzemolo e uova. L'impasto deve essere molle, si mescolano tutti gli ingredienti, creando un impasto omogeneo, poi formare le polpette e friggerle in olio caldo.

 

Risotto al prezzemolo
Lessare il riso, scolarlo e buttarlo in una casseruola; imbiondirlo con aglio e olio. Fatelo saltare aggiungendo del prezzemolo tritato. Servire ben caldo.

 

Sarde a beccafico
Sono un gustoso secondo piatto siciliano: il connubio di sapori che si mescolano ne fanno una pietanza saporita e ghiotta, sicuramente da provare. In Sicilia, nel cuore del Mediterraneo, due sono le ricette regine che si contendono questo delizioso piatto: la versione palermitana e quella catanese. 

 

Sgombro a cotoletta
Sventrare e pulire gli sgombri, aprirli a libro, lavarli e sgocciolarli. Farli marinare per 30' in aceto, sale e pepe. Infarinarli, passarli nell'uovo battuto, ed nel pangrattato. Friggere in olio bollente ed abbondante.

 

Spumette di nocciole
Tritate le nocciole, montate a neve gli albumi, incorporatevi lo zucchero a velo, mescolando. Unite le nocciole tritate e la scorza di limone grattuggiata. Distribuite a mucchietti il composto su una teglia imburrata e spolverata di farina. Introducete la teglia in forno caldo e lasciatevela per 30' 

 

Fonte: www.movingitalia.it

 

Spiaggia

Dieci kilometri di spiagge, rocce e scogli bagnati dal limpidissimo Mar Tirreno, da Gioiosa Marea fino a San Giorgio, passando da Capo Calavà, bellissimo promontorio della Sicilia settentrionale da cui è facile scrutare in lontananza le sagome delle Isole Eolie.

San Giorgio è un piccolo borgo balneare, rinomato per la tranquillità del posto e la vicinanza a numerosi siti d’interesse turistico. La sua spiaggia è un lungo litorale sabbioso, ideale per chi trascorre le vacanze con i bimbi: mare limpido e pulito, il caldo sole siciliano e le rilassanti passeggiate presso il lungomare ne completano l’atmosfera.

La spiaggia di sabbia fine che si trova a Capo Calavà è inserita in un contesto naturale unico, tra il promontorio del Capo e il mare cristallino che ne rinfresca la ghiaia fine. Si può raggiungere a piedi, tramite dei sentieri che scendono a mare dalle pareti del promontorio, formando a livello dell’acqua numerose grotte e insenature da esplorare con maschera in testa. La spiaggia è ben attrezzata e movimentata, riscuotendo sempre l’apprezzamento di chi la visita.

Ordina risultati per:

20% Sconto

Avalon Sikani Hotel
Gioiosa Marea

[RICH_REVIEWS_SNIPPET category="post" id="1372"]

Villaggio 4 stelle in Sicilia a pochi passi dal mare con offerte Prenota Prima

A partire da €70,00
26% Sconto

Capo Calavà Village
Gioiosa Marea

[RICH_REVIEWS_SNIPPET category="post" id="137"]

: Piccolo borgo dagli spazi ben organizzati dedicati agli sport e al tempo libero dei bambini. Soft all Inclusive e Animazione con Mini-club

A partire da €60,00
[RICH_REVIEWS_SNIPPET category="post" id="1422"]

Resort a Gioiosa Marea a pochi passi dal mare con Animazione e sconti fino al 20%

A partire da €62,00
25% Sconto

Park Philip Hotel
Marina di Patti

[RICH_REVIEWS_SNIPPET category="post" id="567"]

Hotel a 30mt dal mare con trattamento di Pensione Completa e offerte prenota prima

A partire da €65,00
12% Sconto

Villa Ridente Resort
Gioiosa Marea

[RICH_REVIEWS_SNIPPET category="post" id="1363"]

Il Villa Ridente Resort si trova a Gioiosa Marea, a circa 3,5 km dal centro e a 500 metri dal

A partire da €45,00